testata

Controcorrente

In tempi di tutti contro tutti, rancore diffuso, “social” e “fake” proviamo ad andare controcorrente. E cominciamo con lo scrivere qualcosa di positivo.

Da oltre un anno l’attuale governo guidato da Paolo Gentiloni ha consentito di invertire una tendenza alla stagnazione rilanciando economia, occupazione e investimenti, che da un quinquennio segnavano valori negativi. Vi sono poi i provvedimenti legislativi nel campo dei diritti civili e della giustizia: dal riconoscimento delle unioni civili alla libera scelta in materia di ne vita, dalle disposizioni in favore dei gli non autosuf cienti dopo la scomparsa dei genitori all’inasprimento delle pene nei casi di femminicidio, all’estensione della legislazione antima a in tema di corruzione. Insomma, una lenta ma costante risalita dopo la crisi più grave dal 1929, perseguita con costanza dopo il ventennio berlusconiano, in cui l’Italia rischiava una situazione simile a quella della Grecia. Che molto sia ancora da fare per ritornare ai livelli di crescita pre-crisi è evidente a tutti, ma la strada intrapresa è quella giusta: passo dopo passo, mettendo anche mano alle stesse riforme su ricordate per eliminarne gli aspetti più contraddittori e iniqui.

L’alternativa a questa azione di governo è la riproposizione della destra berlusconiana, questa volta a trazione leghista o - in alternativa - il populismo pentastellato che ha già dato pessima prova delle sue capacità di governo nell’amministrazione di città come Roma e Torino, solo per citare i casi più noti e controversi.

Ma alla vigilia delle importanti elezioni politiche del 4 marzo 2018 è la sinistra italiana, nel suo complesso, a dimostrare limiti sempre più gravi.

Alle elezioni presidenziali francesi del 2016 il Partito socialista francese rinunciò a presentare propri candidati in numerose circoscrizioni per favorire “En marche”, il movimento di Macron e battere la destra di Marine Le Pen. In Italia, in previsione delle elezioni accade l’esatto contrario: centro sinistra in frantumi, gli scissionisti del PD, che pur di scon ggere il Pd di Renzi - dimenticando che lo stesso Renzi è stato eletto a segretario del partito con quasi 2 milioni di voti del popolo del centrosinistra - si preparano a far vincere in numerose circoscrizioni il centrodestra; un presidente del Senato, seconda carica dello Stato, che senza dimettersi dall’incarico diventa leader di una forza politica in diretta concorrenza con il partito che lo ha eletto tra le sue le e successivamente portato sullo scranno più alto di Palazzo Madama (peraltro “dimenticandosi” di versare al PD oltre 83.000 euro per la quota mensile dovuta da ogni senatore); la Presidente della Camera Laura Boldrini che imputa al Pd la mancata approvazione dello “ius soli”, sottacendo il fatto che i numeri per l’approvazione al Senato proprio non c’erano. Per la “sinistra radicale” si prospetta poi la presenza di almeno cinque distinte liste con falce e martello in agguerrita concorrenza tra di loro.

Certo, in tutto ciò Matteo Renzi ci ha messo molto di suo: dal “jobs act” con l’eliminazione dell’articolo 18 alla cosiddetta legge sulla “buona scuola” che, se ha consentito l’assunzione di decine di migliaia di precari, ha ingenerato una marea di proteste e ricorsi. Ma soprattutto non ha saputo ascoltare le ragioni degli altri, che pure non erano avversari politici, ma militanti e dirigenti del suo stesso partito. In particolare non ha saputo analizzare prima e metabolizzare poi la scon tta sul referendum. Una scon tta che avrebbe dovuto comportare un cambio di marcia nella gestione del PD e una attenzione maggiore alle critiche e alle proposte successive.

Dopo la scissione di Bersani e D’Alema la situazione non era più recuperabile e ogni scelta, decisione, atto politico del governo sono diventati motivo di polemiche. Bersani, in particolare, che oggi accusa il governo di praticare politiche economiche “non di sinistra” e non in sintonia con le aspettative e richieste dei ceti popolari e degli stessi ceti medi, dimentica di aver sostenuto il governo Monti e la legge Fornero, di aver approvato e condiviso tagli lineari su scuola, sanità, pensioni e di aver poi governato con Berlusconi nell’intermezzo del governo Letta. Per non parlare del rancoroso livore di Massimo D’Alema, che non ha perdonato a Matteo Renzi la mancata nomina a Commissario Europeo agli Affari Esteri.

Anche per quanto concerne le elezioni regionali in Lombardia, dove gli autogol della Lega (ritiro di Maroni e razzismo conclamato del candidato Fontana) avevano creato insperate opportunità di conquista della regione più importante d’Italia, i dirigenti della sinistra hanno dimostrato penose rigidità e incapacità politiche. Per Machiavelli sarebbe stato questo un momento classico in cui il principe o il politico virtuoso avrebbe potuto volgere la situazione a suo favore. Ma quel principe oggi in Italia non si vede all’orizzonte.

Non resta che sperare nel voto dei cittadini elettori. Spes ultima dea est.

ProtI toku

Včasih, ko so vsi nastrojeni proti vsem, ko so zamere vse bolj razširjene, v času pojmov, kot so “social” in “fake”, bomo poskušali iti proti toku. In začnimo s tem, da napišemo kaj pozitivnega.

V nekaj več kot letu dni vlade, ki jo vodi Paolo Gentiloni, se je gospodarska stagnacija spremenila v ponoven zagon zaposlovanja in investicij, ki so že kakšnih pet let kazali znake upadanja.

Tu so še zakonodajni ukrepi na področju državljanskih pravic in pravosodja: od priznanja zunajzakonskih zvez, do svobodne izbire zaključka življenja, od določb v korist nesamozadnostnih otrok po smrti staršev, do zaostritve kazni v primeru umorov žensk in razširitve protima jske zakonodaje na področju korupcije. Skratka, počasen ampak stalen vzpon po najhujši krizi leta 1929 in Berlusconijevem dvajsetletju, ko je Italija tvegala podobno situacijo kot Grčija.

Zavedamo se, da je treba storiti še mnogo, preden bodo dosegli stopnjo razvoja, ki je bila pred krizo, vendar smo na pravi poti. Korak za korakom, spreminjajoč tudi prej omenjene reforme zato, da bi odpravili najbolj protislovne in nepravične vidike.

Alternativa temu vladnemu ukrepu je ponovna vrnitev Berlusconijeve desnice, tokrat s podporo Severne lige ali pa populizem gibanja Pet zvezd, ki je že dokazalo slabe vodstvene sposobnosti na primerih mest kot sta Rim in Torino. Vendar je pred pomembni volitvami letošnjega 4. marca prav italijanska levica tista, ki kaže vedno večje omejitve.

Na francoskih predsedniških volitvah leta 2016 se je Francoska Socialistična stranka odpovedala svojemu kandidatu in s tem dala več možnosti Macronovi stranki »En marche«, da bi premagala desnico Marina Le Pena. V Italiji se je pred volitvami zgodilo prav obratno: razbita leva sredina, odpadniki Demokratske stranke, ki se samo zato, da bi porazili Renzijevo Demokratsko stranko pripravljajo, da bodo dopustili zmago desne sredine v številnih volilnih okrajih (in pri tem pozabljajo, da je bil prav Renzi izvoljen za sekretarja stranke s skoraj dvemi milijoni glasov ljudi desne sredine). Predsednik senata, ki je, ne da bi odstopil iz svojega položaja, postal vodja politične sile v neposredni konkurenci s stranko, ki ga je izvolila in kasneje prinesla na najvišji sedež Palače Madama (in je poleg tega »pozabil« Demokratski stranki vplačati 83.000 evrov, ki jih mora odšteti vsak senator). Predsednica poslanske zbornice Laura Boldrini, ki obtožuje Demokratsko stranko, da ni odobrila “ius soli”, vendar pri tem skriva dejstvo, da številk za odobritev v senatu ni bilo. Za skrajno levico lahko pričakujemo vsaj pet različnih list s srpom in kladivom, ki bodo tekmovale med sabo.

Seveda je k temu Matteo Renzi pripomogel mnogo: od »jobs acta« z odstranitvnijo 18. člena o »dobri šoli« (buona scuola), ki je sicer omogočil zaposlitev več tisoč prekarcev, vendar je tudi sprožil vrsto protestov in pritožb. Predvsem pa ni znal poslušati razlogov drugih, ki niso bili njegovi politični nasprotniki, temveč militanti in vodje v njegovi stranki. Še posebno ni znal najprej analizirati nato pa metabolizirati poraz na referendumu. Poraz, ki bi moral pomeniti spremembo v vodenju Demokratske stranke in prinesti več pozornosti kritikam in novim predlogom.

Po razcepu med Bersanijem in D'Alemo stanja ni bilo več možno izboljšati in vsaka odločitev, politični akt vlade je postal razlog za polemiko. Še posebno Bersani, ki danes obtožuje vlado, da izvaja »nelevičarske« gospodarske politike, ki niso v skladu s pričakovanji in željami delavskega in srednjega razreda pozablja, da je podpiral Montijevo vlado in zakon Fornero, da je odobril zmanjšanje na področju šolstva, zdravstva in pokojnin ter nato vladal z Berlusconijem med vlado Enrica Lette. Da ne govorimo o zamerah Massima D'Aleme, ki ni nikoli odpustil Matteu Renziju neimenovanja za Evropskega Komisarja za zunanje zadeve.

Tudi kar se tiče regionalnih volitev v Lombardiji, kjer so napake Severne Lige (Maronijev umik in rasizem kandidata Fontane) ustvarile nepričakovane priložnosti za osvojitev najpomembnejše regije v Italiji, so voditelji levice pokazali togost in politično nezmožnost. Za Macchiavellija bi bil to klasičen trenutek, ko bi lahko princ ali dober politik položaj obrnil v svojo korist. Vendar takšnega princa danes v Italiji nimamo.

Ne ostane nam drugega, kot da upamo v glasove meščanov. Spes ultima dea est.